Il perché di questa ricerca-Associazione la Settima

Il perché di questa ricerca

  Il perché di questa ricerca

 

Se raccontare la storia di un paese non è facile, figuriamoci raccontare la storia di un quartiere.

Mentre in un paese, dove tutti si conoscono da sempre, i vecchi tramandano le loro memorie ai figli, in un quartiere nato spontaneamente e portatore quindi di un miscuglio di tradizioni, scomparsi i "vecchi", molti ricordi sono destinati a perdersi definitivamente a meno che non si possa ricorrere a documenti scritti che, però, non sempre sono disponibili o sono completamente assenti.

Questa ricerca è il frutto di racconti fatti dalla gente. In essi, ma con molta pazienza, è stato possibile recuperare delle informazioni importanti e curiose perché chi racconta non segue un filo logico e salta da un episodio all'altro ritornando magari in seguito al primo, e così via.

Certe volte nel racconto o nella datazione ci sono delle incongruenze e chi ascolta - se non conosce personalmente i protagonisti del racconto - rischia di fare confusione quando trascrive la storia.

Eppure alcune informazioni possono essere conosciute solo attraverso questi racconti in quanto non si trovano scritte da nessuna parte e non esistono in alcun archivio.

In queste interviste i protagonisti sono persone che hanno ricordi diretti sugli avvenimenti di vita passata.

Ringrazio anticipatamente tutte le persone che hanno contribuito alla riuscita di questo lavoro in modo spontaneo e gratuito sia con ricordi verbali o con immagini e per averne concesso la pubblicazione.

Questo lavoro è dedicato al quartiere di Li Punti e a tutti coloro, nostri concittadini, che non ci sono più.

 

Gianuario Pilo

San_Giovanni_1959