Il mouse-Associazione la Settima

Il mouse

  002

 

Il mouse
 

In questa lezione parleremo di una cosa particolare, parleremo di uno strumento che lascia sempre un pò di confusione sul suo utilizzo, mi riferisco al Mouse e in particolare sui tasti quello sinistro e quello destro, a volte facciamo confusione tra due cliccate o una cliccata. Il Mouse lo abbiamo già visto durante le lezioni in aula, chi avesse ancora dei dubbi sull'utilizzo corretto legga questa lezione per conoscere meglio lo strumento che oltre alla tastiera ci serve per dare ordini al computer qualunque sia il Sistema Operativo che stiamo usando.

Dopo aver letto esercitatevi, conoscere bene questo strumento ci facilita l'uso del computer.

Questo strumento (quindi un hardware) come abbiamo detto si chiama Mouse.

Mouse (pronuncia Maus tradotto in italiano significa Topo).

Vediamo le sue funzioni principali.

Sul tuo Desktop vedi una freccia che si muove, questa freccia si chiama Puntatore.

Il puntatore è azionato dal Mouse.

Il puntatore è uno degli strumenti principali per dare ordini al Computer.

Il puntatore classico ha la forma di una piccola freccia bianca leggermente inclinata sulla sinistra, sicuramente anche il tuo ha questa forma, però può essere più grande, più piccolo, verde, nero, può essere a forma di banana, di farfalla, ecc.

Per cambiare la figura del puntatore andare al pannello di controllo alla voce mouse e sceglierne uno disponibile, se lo vuoi particolare devi scaricarlo da Internet e metterlo nella cartella Cursor che si trova in :C Windows.

Per abilitare questo cambio andare Pannello di Controllo alla voce Mouse, click su Puntatori e poi su Sfoglia, si apre in questo modo la cartella Cursor dove in precedenza abbiamo messo il puntatore scaricato da Internet, selezionarlo poi su Applica e Ok
 


00211                              00214
                   

A seconda i casi, il puntatore del mouse sullo schermo può assumere anche altre forme come, ad esempio quando si scrive del testo assume la forma di una I maiuscola con due trattini.

La mano con il dito indice che punta verso l’alto significa che in quel punto è presente un "Link", una mano aperta fa scorrere un documento usando la rotella centrale del mouse, quando il puntatore assume la forma di una freccia a quattro punte significa abbiamo selezionato un immagine, tenendo premuto il tasto sinistro l'oggetto si può spostare da una parte all'altra dello schermo.

Nelle figure sotto alcuni esempi delle forme del puntatore.

 


00208  00210
00209

Altre forme ancora secondo i casi.
Per il momento ci concentriamo sulla freccia che è il puntatore classico , a noi interessa l'ultimo millimetro della punta perche di tutta la freccia chi lavora è solo la parte terminale della punta, tutto il resto ci fa capire dove si trova.

la parola click deriva dal suono che fa quando premiamo uno dei due tasti del Mouse e quando premiamo uno di questi tasti si dice in gergo sto cliccando oppure ho cliccato o cliccare.

Quindi, se noi andiamo a cliccare da qualche parte assicuriamoci che la punta sia posizionata bene dove dobbiamo dare il comando.

Consiglio ai principianti di usare sempre un mouse esterno sia per un computer da tavolo che per un portatile, si può collegare tramite cavo o tramite Wireless, quello dei portatili si chiama touchpad si pronuncia tàchpad, assolve le stesse funzioni del mouse tradizionale però e più sensibile e ai meno esperti potrebbe causare difficoltà. Questo touchpad si trova nella parte centrale sotto la tastiera. Per spostare il mouse bisogna soltanto farlo scivolare lentamente, cercando, nello stesso tempo, di tenerlo sempre rivolto verso lo schermo se finisci lo spazio a disposizione sulla superficie su cui stai spostando il mouse, (di solito sul tappetino) basta semplicemente sollevarlo e rimetterlo in una posizione più comoda.

Esistono diversi tipi di mouse dalle forme più strane.

Qualunque forma abbia il mouse quello classico ha essenzialmente due tasti, uno destro e uno sinistro (a volte anche altri due) più una rotella centrale.

L'impugnatura avviene con il mouse poggiato sopra il tappetino, la mano destra (anche i mancini lo usano cosi) è poggiata sul mouse, il dito pollice a fianco sul lato sinistro, il dito indice poggia sul tasto sinistro (pulsante primario), il dito medio sul tasto destro ( pulsante secondario).

00212
 

Il tasto sinistro.

Questo tasto che forse è il più importante può essere usato in due modi o con un click singolo o con due click in rapida successione.

Vediamo come funziona.

Clicchiamo con un click (tasto sinistro) su una parte vuota del desktop, non succede niente.

Se clicchiamo per esempio sull' icona del cestino, vediamo che non è ancora successo niente, o quasi niente, vediamo che l'icona ha assunto un colore diverso, ha cambiato aspetto, si dice in gergo che questa icona è stata selezionata, è come che io abbia dialogato con il computer e gli abbia detto: computer, stai attento che tra tutte queste icone ho selezionato il cestino perché è su questo che devo lavorare.

Si clicca sempre sull'icona e non sulla scritta perché in seguito dirò anche la differenza.

Facciamo click su un'altra icona, cosa è successo? è successo che l'icona del cestino è tornata normale ma è stata selezionata l'ultima icona cliccata.

E' come che avessimo detto: computer, ci ho ripensato, il cestino non mi interessa più, voglio andare sull'icona di un programma, se cambio ancora idea e non voglio selezionare niente, clicco semplicemente in un'area vuota del Desktop e annullo tutto.

Quindi quando in seguito vi chiedo di cliccare su un'area vuota significa che voglio annullare l'ultima cosa selezionata.

Sto parlando del mouse e nello specifico della funzione di una cliccata del tasto sinistro sulle icone del Desktop, in questo modo selezioniamo ma non facciamo nient'altro.

Vediamo cosa succede con due cliccate del tasto sinistro.

Se con una cliccata selezionavo l'icona con due cliccate apro per vederne il contenuto o per aprire un programma.

Quando dico due cliccate si usa sempre il tasto sinistro usando sul mouse l'indice della mano destra, ciò significa premere due volte in rapida successione il tasto sinistro senza pausa e soprattuto senza spostare di un millimetro il puntatore del mouse perché come ho detto in precedenza è solo la punta della freccia che lavora, se la spostiamo non riconosce il comando oppure potrebbe anche interpretare due click separati uno dall'altro.

Vi consiglio di prendere pratica con il mouse in particolar modo con le due cliccate.

Vado sul cestino è applico la lezione delle due cliccate, con un click ho detto viene selezionato, con due click è come che dicessi al computer, aprimi il cestino, voglio controllare cosa contiene, l'ordine per aprire si da con due cliccate.

Dopo che ho aperto il cestino e mi rendo conto che non mi serve, mi sono sbagliato, lo chiudo. Come lo chiudo? Vado con il puntatore sulla X rossa che sin trova in questa finestra in alto sull'angolo destro e faccio un click con il tasto sinistro.

(Ricordiamoci che la X nel computer ovunque sia, equivale sempre al comando di chiusura). Un'altra funzione del tasto sinistro del mouse con un click riguarda la possibilità di spostare un oggetto in un'altra parte dello schermo, in questo caso bisogna posizionarsi sopra l'oggetto, clicchiamo una volta e, senza sollevare il dito dal pulsante del mouse, trasciniamo l'oggetto in un'altra parte dello schermo, una volta posizionato nel posto voluto sollevare il dito dal mouse.

Ricapitolando:

Con un click tasto sinistro si seleziona, con un click si seleziona e si tiene premuto il tasto sinistro, si trascina l'elemento selezionato, necessita sempre una cliccata qualsiasi comando come quello usato per chiudere una finestra (la X), doppio click per aprire l'elemento cliccato.

A questo punto ti chiederai: come faccio a capire quando ci vuole un click o quando ci vogliono due click, sulle icone è semplice , ma per il resto?

vedrai che con l'esperienza lo capirai da solo o da sola, si vede a occhio, nel dubbio un consiglio, quando non sai cosa fare si fa un click solo, se vedi che non succede niente allora ne fai due.

Di solito la regola è che tutti i comandi all'interno di una finestra necessitano di un solo click, eccetto l'apertura di un file o di una cartella.

Facciamo un esempio:

Devo scrivere un documento e dovrei usare un programma dio scrittura, l'icona di questo programma è nel desktop, per poter aprire quel programma devo fare due cliccate altrimenti con il tasto sinistro non lo aprirei mai.

Abbiamo aperto un programma di scrittura, tutte quelle scritte e figure che ci sono in questa finestra, rappresentano degli ordini, quando si avvicina il puntatore del mouse, cambiano colore, significa che possono essere attivate, queste figure sono dei pulsanti che se premuti attivano il comando corrispondente, in questo caso, il comando si esegue sempre con un click.

Teniamo presente come detto in precedenza che è solo la punta della freccia quella che da il comando, se questa punta è su una icona del Desktop e facciamo un click la selezioniamo, se clicchiamo due volte la apriamo, se la punta la posizioniamo anziché sopra l'icona ma sul suo nome, il comando è diverso, stiamo agendo sul nome, se diamo un click e poi un'altro click separatamente stiamo attivando la procedura per cambiarle il nome, in questo caso si dice che la la stiamo rinominando.

Quando clicco con il tasto sinistro lo tengo premuto e muovo il mouse ho la possibilità di selezionare tutto quello che viene toccato dal puntatore del mouse, ci accorgiamo che cambia colore, questa selezione rimane sin quando con premo il tasto sinistro in qualsiasi parte, in questo caso annullo la selezione fatta.

Per aprire le cartelle o un file sempre due click sulla figura in rapida successione.

Ci sono delle eccezioni che vedremo meglio nella lezione dedicata alla selezione.

Quando la figura rappresenta un pulsante sempre un click.

Nella figura sotto parte di finestra del programma di scrittura Word, ad ogni parola e ad ogni figurina corrisponde un comando, in questi casi basta un click tasto sinistro.

00213
 

Per quanto riguarda le funzioni del tasto sinistro del mouse è tutto.

Il tasto destro

Continuando sulle funzioni del mouse ci occupiamo ancora del nostro puntatore, della freccia del mouse solo che questa volta vediamo come funziona il tasto destro, quali compiti specifici ha questo tasto chiamato anche secondario. Nel mouse esterno il tasto destro si aziona con il dito medio della mano destra.

Vediamo a cosa serve e come funziona.

Intanto c'è da dire che il tasto destro è più facile da utilizzare rispetto al tasto sinistro perche non ha la doppia funzione, ovvero il tasto destro del mouse ha un solo click non serve a niente cliccarci

due volte perché se faccio click o doppio click ottengo sempre lo stesso risultato.

Vediamo come funziona il tasto desto.

Per aiutarci con il solito esempio andiamo sull'icona del cestino, e anziché usare il tasto sinistro come abbiamo letto in precedenza, clicchiamo con il tasto destro, vediamo che appare una piccola finestra posizionata o a destra o a sinistra dell'icona selezionata, questa lista si chiama Menu di scelta rapida, la figura sotto rappresenta il menu di scelta rapida relativo al cestino.

00204
 

Questo significa che la funzione del tasto destro è solamente quella di far comparire il Menu di scelta rapida per questo motivo necessita sempre una cliccata con il tasto destro.

Cosa è il Menu di scelta rapida:

Questo elenco di cose che potrei fare si ottiene sempre e unicamente cliccando sull'icona con il tasto destro sia sui file che sulle cartelle, per cui, avendo premuto il tasto destro ottengo sempre il Menu di scelta rapida, in questo caso abbiamo aperto il menu di scelta rapida relativo al cestino.

Ogni voce corrisponde a un comando e dato che è un comando necessita solo un click tasto sinistro.

Cliccando sulla parola Apri ( un solo click ) apro il cestino, questo comando è uguale se avessimo fatto due click (tasto sinistro) per aprirlo tramite l'icona del Desktop.

La stessa cosa vale per gli altri comandi che sono nella lista, basta solo un click, (si potrebbe usare anche il tasto destro con un click cosa che sconsiglio per non confonderci).

Tutte queste voci sono legate solo al cestino.

Quindi il Menu di scelta rapida è una lista di opzioni che posso utilizzare sul file o sulla cartella sempre che abbia utilizzato il tasto destro con un solo click.

Se dopo che ho attivato la visualizzazione del menu mi rendo conto che non c'è nessun tasto che mi interessa, posso far scomparire il Menu di scelta rapida in due modi, o clicco il tasto ESC della tastiera (il primo tasto in alto a sinistra) oppure clicco una volta con il tasto sinistro in una parte vuota dello schermo.

Il tasto ESC significa uscire, scappare, serve a volte per annullare una richiesta del computer che non sappiamo cosa sia, tanto se è una cosa importante la ripropone, è un tasto diciamo di emergenza che si preme quando non si sa cosa fare, a volte funziona, premiamolo tranquillamente, al limite non succede nulla.

Ho detto che per uscire dal menu di scelta rapida di premere il tasto sinistro in una parte vuota della finestra, se anzichè il sinistro premo il tasto destro, mi scompare quel menu ma ne ripropone un'altro.

Facciamo un'altro esempio sull'utilizzo del tasto destro:Decidiamo di premere il tasto destro su un'icona qualsiasi, compare sempre il menu di scelta rapida ma, questa lista rispetto al menu del cestino è più lunga, contiene più voci, significa che ho più scelte da utilizzare, le voci del menu di scelta rapida dipendono da cosa abbiamo cliccato.

00205

Anche in questo caso per mandare via il Menu di scelta rapida premere il tasto ESC oppure un click con tasto sinistro in una parte vuota della finestra. Il Menu di scelta rapida oltre che con i file e con le cartelle appare anche quando clicco con il tasto destro su una parte vuota del Desktop, questo menu che compare riguarda le impostazioni dello schermo, posso modificare l'immagine del desktop, i colori ecc. per cui anche questa volta ottengo un menu con voci diverse dalle situazioni precedenti.

Le voci del menu scolorite significa che al momento questi pulsanti non sono attivi e anche se clicchiamo non succede niente. per attivarle dobbiamo compiere qualche altra azione.

Un'altra cosa da farvi notare queste piccole frecce laterali alla destra di alcune voci:

Se avvicino il puntatore del mouse vicino alla freccia, si attiva un sottomenu, in questo caso significa che ho la possibilità di fare altre scelte.

Quindi tutte le voci che hanno a fianco una piccola freccia significa che non sono comandi definitivi, mi rimandano ad altre opzioni.

Questi comandi necessitano solo una cliccata tasto sinistro.
 

00206










 

Nell'esempio in figura sotto è rappresentato il Menu di scelta rapida cliccando sul Desktop.

La parte di destra è il menu principale, quello di sinistra è un sottomenu che compare cliccando sulla parola dove c'è una freccia, questa figura riguarda la parola Nuovo, se avessi cliccato sulla parola Visualizza ( che come vediamo anche questa ha come terminale una freccia) sarebbe comparso un'altro elenco.

Per visualizzare il sottomenu, bisogna cliccare sulla parola interessata( una volta), rimanere con il puntatore del mouse sul corridoio selezionato (diventa normalmente grigio o azzurro) se la freccia del puntatore sconfina in un altro corridoio sulla parola in su o in quella giù il menu scompare, per andare al sottomenu menu bisogna sempre seguire il percorso colorato, nel sottomenu si può usare il tasto sinistro per dare il comando sempre un click.

Cliccando le voci dove non c'è la freccia si apre un'altra finestra.


00207
 

A questo punto facciamo un piccolo ripasso sul mouse.

Un click singolo con il tasto sinistro per selezionare qualsiasi cosa.

Un click tasto sinistro per dare un comando su tutti i pulsanti.

Due click tasto sinistro per aprire un file un programma o una cartella.

Un click tasto sinistro e senza sollevare il dito dal tasto trascinare il mouse sul tappetino per selezionare il contenuto di tutta una finestra.

Un click con il tasto destro per attivare il Menu di scelta rapida.

Concludo dicendo che anche i comandi del mouse sono personalizzabili ciò significa che oltre la figura del puntatore si possono modificare anche le funzioni dei tasti, il tasto sinistro può fare le funzioni del destro e viceversa agendo sulle impostazioni.

Queste impostazioni si fanno dal Pannello di Controllo nei vecchi sistemi Operativi o alla voce Impostazioni - poi su Accessibilità su Windows 10.

 

Per questa lezione è tutto

Gianuario ti saluta

Ciao